gennaio 30, 2013

vintage bakery

la proprietaria di vintage bakery è una bree van de kamp con gli occhi sinceri e i lineamenti dolci; si chiama christina, ha un marito italiano ma origini venezuelane, belga e francesi. è un vero turbinìo di tratti e di colori, di compostezza british ed energia sudamericana e sabato scorso ha accolto alice e me nella sua piccola bakery, ci ha preparato il tè e affascinate con i racconti e le suggestioni della grande casa sudamericana in cui è cresciuta, dei suoi affetti e del suo amore spontaneo per il buon cibo.

la fanciulla è determinata, eccome se lo è.
ha aperto dopo un breve ma intenso mese di ristrutturazione, ha scelto gli arredi e disegnato personalmente il bancone (n.b. il marito è architetto e lei laureata in industrial design), ha saputo trovare il posto giusto nella zona di milano che più ama, vicino a casa, amici e famiglia, e ha concretizzato il progetto così come lo sognava: rilassante, accogliente, baby e mommy friendly.
per vintage bakery christina si occupa di tutto, tranne che della noiosa parte amministrativa: cura lo stile, crea i menu, cucina con ambizione e talento naturale (ci ha svelato di non aver mai frequentato un corso) e sceglie gli ingredienti, che entrano in cucina solo se sono di altissima qualità.
appassionata di design e chimica, seleziona le materie prime con rigore: niente muffin ai mirtilli, se al mercato i mirtilli non sono come dice lei; ok alle arance, ma solo quelle che arrivano dal giardino della sua casa all'elba; sì a coloranti naturali e buttermilk, ma quelli top che arrivano da londra; niente pasta di zucchero pronta, niente aromi artificiali, niente compromessi. la qualità e la bontà dei dolci su questo non mente.

prima di salutarla le chiediamo da cosa nasce il nome della bakery, dal momento che di puramente vintage in realtà ha ben poco. ci spiega che gli amici la descrivono così: una moglie e una mamma precisa e impeccabile, maniaca dell'ordine e della pulizia proprio come le sorridenti donne di casa degli anni cinquanta.
vintage sì, ma per niente sottomessa, tiene a precisare. tranquilla christina, non fatichiamo a crederlo.
vintage bakery
via thaon di revel 21
tel. 02 99203619


[foto alice flocco]
p.s. da vintage bakery abbiamo incontrato, incredibilmente e per caso, silvia di s'notes e ilaria di ilariavafuori. che gran piacere scoprire volti veri dietro ai blog che più ci piacciono ;-)

5 commenti:

STRAWBERRY BLONDE ha detto...

che voglia di provare tutti qs posti carini che visitate!
Questa mamma moglie perfettina mi ricorda un po' la Signora del riciclo...la conosci? tanto carinaaa

Espritavivre ha detto...

Che meravigliaaaaaa

SNotes ha detto...

Questo posticino mi resterà nel cuore non solo per i cupcake deliziosi, ma anche (e soprattutto) per gli incontri casuali e belli che mi ha regalato!! :D
Un bacione e complimenti per le parole che trovi per descrivere l'anima delle cose e per le foto (che belle!!)
Silvia

Pink Butterfly ha detto...

Ci sono stata oggi.
Mah.. Non mi ha convinta del tutto.
Tornerò un'altra volta.

Ilaria

nena ha detto...

@strawberry blonde: è vero signorina del riciclo, vi somigliate anche per il colore dei capelli!

@pink butterfly: cos'è che non ti ha convinta? noi, come unica pecca, appena entrate abbiamo trovato l'ambiente un po' vuoto, ma c'è da considerare che christina ha appena aperto. il talento e la passione ci sono, secondo me bisogna solo darle il tempo di caratterizzarsi ancora meglio, poi andrà come un treno ;-)